Non Solo Aams

Limiti di spesa nel gioco online: l’ambiziosa proposta del governo spagnolo

Ministero del Consumo spagnolo

In questo speciale di NonSoloAAMS, presentiamo uno studio approfondito del progetto di legge con il quale il Ministero del Consumo spagnolo intende stabilire una quantità di spesa nel gioco online per tutti gli operatori di gioco. In questo articolo, abbiamo analizzato il funzionamento del nuovo processo di deposito confrontandolo con la situazione attuale. Esploriamo poi i paesi che hanno adottato misure simili, limitando però le perdite anziché la spesa, e come in altre nazioni si lascia ai giocatori la libertà di definire i propri limiti.

L’aggiornamento del Real Decreto 1614/2011 è finalizzato all’introduzione di un sistema unificato di limiti di deposito per giocatore. Questa proposta di legge punta a regolare i depositi nei casinò online e sulle piattaforme di scommesse sotto l’egida della DGOJ in Spagna. In pratica, si prevede di instaurare limiti di deposito uniformi per tutti gli operatori regolamentati nel paese.

Il documento di 48 pagine analizza in maniera dettagliato il processo finalizzato alla modifica della regolamentazione attuale sui limiti di deposito negli operatori di gioco online in Spagna. Un argomento che era già stato sviluppato in modo piuttosto chiaro e in linea con le raccomandazioni della Commissione Europea, nell’articolo 36 del Real Decreto 1614/2011 del 14 novembre. Una normativa che sviluppava una parte importante della Legge 13/2011 del 27 maggio sulla Regolamentazione del Gioco.

Il Progetto è suddiviso in 6 parti.

Nella prima, si spiega che si intende modificare la sezione 1 dell’articolo 13 del Real Decreto 1614/2011, che si riferisce alle persone giuridiche che possono richiedere licenze e diventare operatori, chiarendo che devono avere la forma di società per azioni o una forma analoga simile dell’Area Economica Europea e, se non hanno una sede legale in Spagna, devono nominare un rappresentante permanente in Spagna, a tutti gli effetti, con la capacità di ricevere notifiche sia fisiche che elettroniche.

La seconda parte si concentra sui limiti e introduce un nuovo articolo chiamato “36 bis” nel citato Reale Decreto 1614/2011, con il nuovo tipo di limiti di deposito congiunti per giocatore e definendo l’ambito di applicazione e dettagliando cosa sono i depositi, i conti di gioco associati e i registri degli utenti.

Nella terza parte, si modifica la sezione 1 dell’articolo 43, che riguarda aspetti legali rilevanti per l’operatore relativi ad assicurazioni e garanzie. Nella quarta parte, si modifica la Disposizione aggiuntiva decima del Real Decreto 1614/2011, che riguarda questioni tecniche e relative al processo di verifica e alle transazioni elettroniche. Nella quinta parte, si spiega l’adeguamento ai regolamenti attuali e, infine, nella sesta parte, si tratta dell’entrata in vigore delle nuove normative.

Ambizione e prospettiva della proposta

Questo ambizioso progetto legislativo intende essere una risposta alle crescenti preoccupazioni riguardanti il gioco d’azzardo online in Spagna. Diverse associazioni hanno sollevato preoccupazioni riguardo all’aumento del gioco d’azzardo tra i giovani e agli effetti collaterali che esso porta, come i debiti economici e la dipendenza. La proposta di un limite globale di deposito per giocatore su tutti gli operatori con licenza è vista da molti come un passo necessario per proteggere i consumatori.

Il panorama internazionale e le reazioni degli operatori di gioco

La Spagna non è la prima nazione a prendere in considerazione l’introduzione di misure restrittive nel settore del gioco d’azzardo online. Alcuni paesi europei come la Svezia e il Regno Unito hanno già implementato limiti di deposito o di perdita per i giocatori. Tuttavia, il modello proposto dal Ministero del Consumo spagnolo è considerato uno dei più severi al mondo.

Mentre molti considerano l’iniziativa del Ministero come un passo avanti verso la tutela dei giocatori, gli operatori di gioco manifestano una certa preoccupazione. Essi sostengono che tali restrizioni potrebbero avere un impatto negativo sul mercato legale del gioco d’azzardo, spingendo i giocatori verso piattaforme non regolamentate. Questo, a loro avviso, non solo ridurrebbe le entrate fiscali dello Stato, ma metterebbe anche i giocatori in una posizione vulnerabile senza alcuna protezione legale.

Se approvato, questo decreto potrebbe riscrivere le regole del gioco online in Spagna. Ma è ancora troppo presto per determinare se sarà un successo o se avrà effetti collaterali indesiderati. Ciò che è chiaro, tuttavia, è che il governo spagnolo è determinato a fare tutto il possibile per proteggere i suoi cittadini dai rischi del gioco d’azzardo.

In conclusione, il progetto di modifica del Reale Decreto 1614/2011 potrebbe segnare una nuova era nel panorama del gioco online in Spagna. Solo il tempo dirà se sarà un passo nella giusta direzione o se avrà bisogno di ulteriori modifiche

FaQ - siti non aams
Come depositare e prelevare dai casinò non AAMS?
Come scommettere su un sito non AAMS?
È legale giocare su siti non AAMS?
Come giocare sui casinò stranieri non Aams?
I Casinò non Aams sono sicuri?
Giochi casinò non aams gratis
Slot Machine non Aams
Slot Machine
Roulette non Aams
Roulette
Poker online non Aams
Poker
Blackjack non Aams
Blackjack
Videopoker non Aams
Video Poker
Baccarat
Baccarat
Articoli recenti
Saranno le criptovalute la valuta dominante nel settore iGaming?
Collaborazione e Regolamentazione: gli sforzi del mercato latino-americano per un gioco equo
I migliori programmi VIP dei casinò stranieri
Slotimo casino live: ampia gamma di giochi disponibili
ElenPAY: L'Innovazione di Clovr Labs per un Gaming Sicuro e Regolato