Non Solo Aams

Perché il gambling deve puntare sulle generazioni del futuro?

gambling del futuro

La Generazione Z è diventata il target principale dell’industria del gioco d’azzardo e delle scommesse sportive. Quali strategie adotterà il settore per adattare i suoi prodotti e conquistare questa nuova generazione?

Oggi, in un mondo dove la tecnologia gioca un ruolo fondamentale nelle nostre vite e i cambiamenti avvengono a velocità sostenuta, parlare in termini generazionali come si faceva fino a qualche anno fa è un po’ rischioso. Questo perché il processo di trasformazione e adattamento, di cui siamo partecipi sia come spettatori che, come protagonisti, è così rapido da rendere impercettibile la sottile linea di separazione tra una generazione e l’altra.

Tuttavia, identificare e raggruppare caratteristiche aiuta a comprendere il modo in cui un insieme di persone costruisce la propria identità. In questo senso, la generazione Z (GenZ) o i Centennials rappresentano coloro che sono nati tra il 1995 e il 2010, cresciuti sotto le stesse influenze culturali e che hanno attraversato grandi eventi come la crisi finanziaria del 2008 e la pandemia di coronavirus.

Sebbene questa segmentazione possa presentare alcune limitazioni in termini sociologici, ci sono dati che permettono di creare un profilo di questo nuovo gruppo di giovani che – a causa della loro età – suscitano l’interesse dei media e delle marche aziendali, con le piattaforme di gambling in prima linea.

NATIVI DIGITALI: SEMPRE CONNESSI E GLOBALIZZATI

La caratteristica principale dei Centennials è la globalizzazione. Grazie allo sviluppo costante delle tecnologie digitali, questo gruppo generazionale può accedere a qualsiasi tipo di informazione in qualsiasi parte del mondo. Oltre ad essere nativi digitali, i membri della GenZ sono anche conosciuti come nativi mobile, poiché la loro principale interazione con il mondo digitale avviene tramite smartphone.

Secondo la società internazionale di studi generazionali, The Center for Generational Kinetics (CGK), i giovani di questa generazione trascorrono tra le cinque e le dieci ore al giorno collegati allo smartphone. I social media, YouTube e i videogiochi sono le principali applicazioni che utilizzano durante la giornata. A differenza dei loro predecessori, i Centennials preferiscono l’uso di messaggi istantanei come WhatsApp, Line o Snapchat, rispetto alle tradizionali chiamate telefoniche.

Secondo la ricerca condotta da Pew Internet Research, il 70% degli adolescenti interagisce tramite social media e applicazioni di messaggistica, in cui i contenuti vengono inviati e poi scompaiono.

Un’altra caratteristica è la capacità di svolgere diverse attività contemporaneamente. Inoltre, sono una generazione preoccupata per il proprio futuro lavorativo. Infine, il contesto socioeconomico in cui sono cresciuti ha fatto sì che molti giovani adottassero e sviluppassero la cultura dell’imprenditorialità.

LA RELAZIONE TRA BRAND E CENTENNIALS

La relazione tra i Centennials e le marche aziendali si basa sul ruolo attivo che le organizzazioni adottano per affrontare problemi sociali e ambientali. In questo contesto, la società di consulenza Kantar Global Monitor, attraverso la sua ultima ricerca sul ruolo e comportamento della generazione Z in 31 paesi, sostiene che le persone di questo gruppo di età sono impegnate nella responsabilità sociale, arrivando – in alcuni casi – a essere agenti di cambiamento.

Sulla stessa linea, Sebastián Corzo, manager di Ipsos Spagna, afferma che “la mission di un marchio è essere trasparente e assumere il proprio ruolo con responsabilità, con estrema coerenza tra ciò che dicono e ciò che fanno“. Inoltre, devono cercare interazioni semplici e agili “che aggiungano fluidità e un componente ludico alle esperienze di consumo“, ha aggiunto l’esperto.

In questo senso, per la Generazione Z ci sono due fattori fondamentali che promuovono la fedeltà verso un marchio. Il primo è la capacità di risolvere in modo semplice i problemi di un qualsiasi servizio; e il secondo, esprimere le proprie preoccupazioni e priorità attraverso le piattaforme online.

Secondo un sondaggio pubblicato da Medallia, specialista nella gestione della user experience, i GenZ mostrano una minore fedeltà aziendale rispetto ad altre generazioni. Tuttavia, hanno una maggiore predisposizione a provare nuovi marchi se sono collegati a una celebrità o un influencer che apprezzano.

PERCHÉ BISOGNA STUDIARE I CENTENNIALS?

Come i millennials, che li hanno preceduti nel tempo, i Centennials danno priorità alla ricerca di nuove esperienze e godono maggiormente degli ambienti digitali o virtuali. L’iGaming, gli eSports e la ricerca di contenuti online non sono solo intrattenimento, ma costituiscono parte essenziale del loro stile di vita. Per alcuni di questi giovani, Fortnite, League of Legends e Call of Duty non sono più solo passatempi, ma si sono trasformati per molti di loro in veri e propri lavori.

I brand legati al gioco d’azzardo online, come i casinò online e i siti di scommesse sportive, devono quindi analizzare e comprendere le preferenze del loro target per ottenere dei buoni risultati a livello di popolarità e fatturato. Nel caso della GenZ, è indispensabile pianificare una strategia integrata basata su innovazioni digitali.

In questo modo, sarà possibile creare esperienze di gioco di altissimo livello e grafiche in alta definizione. In questo contesto, la realtà virtuale (VR) si rivela come un grande alleato per conquistare i Centennials, che attratti dalla possibilità di giocare comodamente da casa mediante dei visori potranno godere della nuova esperienza generata da questa tecnologia.

Un altro vantaggio della VR è che gli utenti possono giocare con persone da tutto il mondo e interagire con loro in tempo reale, come avviene nella modalità multiplayer su PS5. Infine, per la GenZ, l’iGaming è diventato anche un mezzo per socializzare. Le chat dal vivo, i forum e i social media sono le piattaforme perfette per permettere ai giocatori di comunicare e condividere strategie di gioco.

FaQ - siti non aams
Come depositare e prelevare dai casinò non AAMS?
Come scommettere su un sito non AAMS?
È legale giocare su siti non AAMS?
Come giocare sui casinò stranieri non Aams?
I Casinò non Aams sono sicuri?
Giochi casinò non aams gratis
Slot Machine non Aams
Slot Machine
Roulette non Aams
Roulette
Poker online non Aams
Poker
Blackjack non Aams
Blackjack
Videopoker non Aams
Video Poker
Baccarat
Baccarat
Articoli recenti
ElenPAY: L'Innovazione di Clovr Labs per un Gaming Sicuro e Regolato
Immediatezza e globalizzazione: il fintech grande alleato degli operatori di gioco per i pagamenti digitali
Il Supremo ribalta parzialmente la legge sul divieto di pubblicità del gioco d’azzardo in Spagna
I giganti Internazionali del gioco d'azzardo e dei casinò puntano al mercato brasiliano
Anjouan Contro Curaçao: La Nuova Licenza di iGaming Cambierà il Mercato?